PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'Accademia dell'Amore

Quando
risucchiato
dalla realtà
esco
dal Tempio della musica celeste

il tempo
vola
via
banalmente

terrestre-mente

imperterrito
mi sfugge
lasciandomi
povertà

di miseria
in Amore

defraudando
il Sublime

frodando
me stesso

elemosino
l'opportunità
gratuita
dell'Altrui

in un mondo
che non fermenta
in ebbrezza divina

Quando
non sono con Te
Amore mio

a scuola
nell' Uranico Te

mano nella mano
spalla a spalla
anima nell’anima

dialogando
galanti
nel nostro unico

12

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 27/09/2009 16:29
    la poesia è la musa che regna nel poeta
  • francesco muscarella il 05/12/2008 18:21
    Molto bella!
  • Ezio Grieco il 05/12/2008 14:21
    ... he si, è molto dolce, poeticamente sciorinata, malinconicamente.. cantata, delicatamente posata... in "umili Ori di Campo"
    mikelus
  • giuliano paolini il 05/12/2008 13:59
    e' come se tutto cio' che facciamo non potesse aggiungere più nulla al nostro pellegrinaggio, forse e' tempo di abbandonare il bastone il viaggio puo' aver termine
  • rita gargaglione il 05/12/2008 11:34
    C'è molta dolceza, molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0