PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quei due

Lui è Seth, il mio diavolo,
mi spiana un'ala per farmi
attraversare il fiume e
sputa fuoco per scaldarmi.
Lui è Dehn, il mio angelo,
mi ammonisce se rido troppo
e smorza i miei ardori al nascere.
Non ingannarti dall'aspetto
spesso l'anziano è solo un
costume preso in affitto..
Viaggiai con loro per due giorni,
dissertammo su cibo, arnesi e filosofia,
dormimmo sugli alberi per elevarci.
Io, con un sacco da riempire,
bucato sul fondo per astuzia,
decisi di proseguire da solo il viaggio
perchè ero l'unico capace di riempire
quel sacco...

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Antonio Pani il 12/10/2006 10:09
    Veramente bello! Bravo, adoro gli scritti che fissano concetti, momenti e immagini che riguardano tutti noi. Complimenti, a presto.
  • alberto accorsi il 10/10/2006 23:09
    fintamente "satanica"
    delicatamente ironica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0