PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Caro amico

Finalmente ti tolgo ciò che
mi hai preso con l'inganno
solo perchè ero nel fosso;
compagno di avventure non
biasimarmi se ti somiglio
al peggior cane quando
brama la carne che gli viene
servita ad una spanna in più
della catena a cui è legato.
Lui avrà la mia grazia,
la mia giustificazione,
ora lo inviterò al mio pranzo,
domani gli darò un nome, Mercuzio.
Tu serpe, accontentati di star
sotto il mio tavolo
a raccattar le briciole
che Mercuzio ha schifato..

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • starshine1983 il 04/03/2009 16:44
    capisco benissimo la situazione!!! bella poesia... i grandi maestri insegnano sempre tanto!!!
  • Mary Ceraulo il 20/12/2008 03:26
    Sarei curiosa di sapere cosa ti ha fatto questo "amico"... bella poesia cmq... _Mary_
  • John Barleycorn il 05/09/2008 23:29
    servirebbe una sez. ex amicizie.
    Comunque mi piace, rende benissimo lo stato d'animo.
  • Arturo Vado il 02/09/2007 18:01
    Bravo. piacevole metafora.
  • Riccardo Brumana il 27/02/2007 22:21
    sublime!!!! la metafora mi esalta.
  • Antonio Izzo il 08/02/2007 15:39
    Entusiasmante!
    Un saluto
    Antonio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0