PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ipocrisia di un pensiero

l'ipocrisia del pianto, mi ha reso stanco
privo di sensazioni, espressioni pure
controllo la tua verita' spezzata
il cuore duole per il ritorno inatteso

Quante notti insonne dovro' ancora passare,
quanto ancora mi dovro' disperare
ipotizzo una fine non desiderata
che mi rimanda all'iniziale attesa

si puo' vivere senza il sangue del perdono
dell'amore, della commiserazione
l'arcano quesito, spinge le mie volonta'
ora non esiste più la meta

e tutto cio' che era certo
si disperde nell'ipocrita messa in scena
di un pensiero che non potra' mai tramutarsi
i fatti che non succederanno
creeranno danni per tutto

il grigio eterno sovrasta il mondo...

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 07/12/2008 21:38
    Nella ipocrisia... la verità si spezza...
    Stanchezza.. di questo vivere... che non potrà mai portare.. a nessuna tramutazione.. dell'essere...
    Un grigio.. senza speranza.. una cappa di piombo.. incombe...
  • Rocrisa Ro il 07/12/2008 21:10
    poesia che travasa rassegnazione...

    tutto cio' che era certo
    si disperde nell'ipocrita messa in scena
    di un pensiero che non potra' mai tramutarsi

    questi versi sono molto intensi e sentiti...

    complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0