accedi   |   crea nuovo account

Il viaggio

Narrerò anche io di paesi lontani.
Sorvolerò i miei pensieri
per arrivare oltre il confine dell’anima.
Mi scaverò dentro e svuoterò la mia fossa
per essere pronta ad accogliere ciò che non conosco.
Libera ed inerme sarò trasparente
e mi farò trasportare dal vento
fino a che luce ci sarà,
fino a che luce mi attraverserà.
Cercherò nel silenzio la mia compagna,
per imparare ad udire ogni suono.
Canterò canzoni mute che culleranno il mio viaggio.
Ballerò le melodie di tutti i mondi
E la mia danza sarà preghiera.
Diventerò forte nella conoscenza
Per apprezzare la vera semplicità
e quando il tempo delle difficoltà incalzerà
urlerò con tutte le mie forze per rimanere io.
Correrò incontro ad ogni ostacolo:
più forte sempre di più.
Un galoppo solitario per chi è senza destriero.
Non mollerò le mie redini, non lo farò.
I fragori nella tempesta mi stordiranno
I battiti del mio cuore scandiranno l’ora della battaglia
E volgendo il mio sguardo in ogni dove
Scoverò l’ultimo nemico: e sarò proprio io.
Ed alla fine di ogni tempo nell’inizio di ogni cosa
Presenterò il mio testimone ed avrò conosciuto tutto.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • nemo numan il 14/12/2008 21:38
    il battito del cuore, il battito di noi molto bella
  • Andrea Pinto il 11/12/2008 01:09
    Molto bella, mi piace il tuo stile... poi, grazie per il tuo gentile commento!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0