accedi   |   crea nuovo account

Una musica nell'aria

È Mozart
una musica che si stende
si concede
si arrampica sulle gambe
pulsa

una successione di accordi
cresce sotto le tue dita
sparisce morbida tra i miei seni

è nell'aria
nell'anima

è una luce soffusa
sono ali di falco
che suonano accordi

fluisce negli occhi indecente
e sale aggressiva
con crome e semicrome

rimbalza sulla schiena
lecca il collo
ed è piacere
modulazione

poi aumenta il ritmo
piega le ginocchia
fa corona sul cuore

ed è vibrante
il tempo di un respiro
la cadenza nella penombra dell'amore.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 22/04/2009 01:13
    molto delicata
  • Antonio Sattin il 04/03/2009 13:21
    sensuale davvero
  • simona mugnaini il 13/10/2008 23:14
    brava, sembra di sentire una melodia fatta di parole, come note.
  • luisa berardi il 04/10/2008 17:44
    ...è musica..
  • Monica d il 04/08/2008 17:41
    Mentre si legge si... sente.
  • giuseppe vietti il 04/08/2008 17:22
    mi viene in mente la febbre del sabato sera
  • Matteo Fam il 15/06/2008 11:52
    non è ne mozart ne il falco ma è l'amore che canta e vola e alla fine ti scombussola bella bella davvero
  • Emanuela Corciulo il 07/03/2008 14:10
    é proprio vero che la musica trasposta l'amìnima, dirige il cuore, compone versi..
  • Tiziano Romeo il 08/01/2007 18:54
    No, non tocchiamo questi tasti, cioè i tasti li tocco io, tu le corde, dove non arriva l'archetto. Il genio folle, beh sì, sensuale, un po sregolato, molto terreno, perchè non un melanconico Razumovsky di Beethoven? Quale sottile elevazione, mai così sù come Bach, il Genio puro, certo, un bel solitario per me una Goldberg, io ed il pianoforte... io ed il pianoforte, soli..., io ed il pianoforte... ma è splendida la sinergia tra la tua mente, il tuo corpo e la musica, magnifica, perfetta, a volte mi verrebbe voglia... di suonare... te..., sfiorare la tua pelle..., così come accarezzo i tasti del mio pianoforte... per poi affondare in un crescendo impetuoso... uff... mi distrai, mi incuriosisci, perche? ma chi sei tu?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0