PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'orchidea bea la luce

E’
tempo
di raccogliere
i frutti

precipitati
Principati
di terra

in spirituali
spiritosi
mosti
di mostri
divini

"Orco
che Dea"

Gridò
dalla sua bocca
il poeta pazzo
vedendo
negli occhi
la sua donna

in veste di bellezza
nella sua più bella luce

per la prima volta
nel suo cielo rosso oro

"è il nudo
in fiore"

nella sua Fragilità
di Venerea conchiglia!!!!

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • francesco muscarella il 10/12/2008 17:55
    Una sola parola... Bella!
  • Ugo Mastrogiovanni il 10/12/2008 14:31
    Non c'è bisogno di scusarsi, la tua virtus imperat.
  • Vincenzo Capitanucci il 10/12/2008 14:19
    Hai ragione Floriana... l'esatto sogno parlante..è così... faccio un piccolo cambio...
    Grazie della cooperazione poetica... diventa in questo modo.. una poesia a quattro mani... e due cuori..
    mi scuso con Sophie e Ugo.. per questo cambio a posteriori... cioè dopo che l'hanno già letta e commentata..
    Un caro saluto..
    Vincenzo..
  • Anonimo il 10/12/2008 14:02
    Bella...
    emozionante

    ma... il pazzo grida... e il nudo in fiore...è l'esatto sogno...
  • Ugo Mastrogiovanni il 10/12/2008 14:00
    ... nella sua Fragilità di Venerea conchiglia!!!! Cattivone! Bellissimi i tuoi versi, dotti ed esperti, come sempre del resto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0