accedi   |   crea nuovo account

Il prigioniero

Prestazione d’ansia
nel balipedio in disuso

Vertice nel vortice
di un gioco di fianchi
l’illusione sensoriale è il tonfo
nella finta rete
del prigioniero

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • vincenzo aruta il 09/06/2011 19:00
    Si è aempre catturati da Talia o da Calliope o dalle illusioni. Non fu così per Foscolo?
  • loretta margherita citarei il 27/03/2009 17:25
    bella
  • Patrizia Cremona il 20/12/2008 20:49
    PRIGIONIERO DELLA NOSTRA VITA
    PRIGIONIERO DEI SENTIMENTI
    PRIGIONIERI ETERNI...
    NO!
    POESIA FORTE, INTENSA DI RIFLESSIONE
    COMPLIMENTI!
    )
  • Giuseppe ABBAMONTE il 14/12/2008 08:12
    Nicola
    è criptica, affascinante, carismatica, appassionante, immaginifica, esoterica.
    È una grande "prestazione" in un balipedio, quello della poesia, tutt'altro che in disuso. E questo è un autentico proiettile d'un "pezzo da 90".
    Un plauso enorme al ritorno dell'ispirazione.
    Giuseppe
  • Nadja Letizio il 13/12/2008 20:49
    Oddio questo mi fa capire che devo ancora leggere molto prima di scrivere parole così belle!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 12/12/2008 06:14
    Prigioniero di me stesso... anche se mi vesto a tiro... sono in ansia... prigioniero in una rete cosmica d'illusioni.. cado...

    Stupenda Nicola... questo velo di Maya... apogeo che cinge in vortice... i fianchi della vita... in una sensazione di sensualità... quasi impotente... disarmante... vascello... in piena tempesta... nell'illusione dei sensi... lol...
  • Anonimo il 11/12/2008 19:24
    Mi parte in quarta una verità a forma di dubbio, Mentre compongo l’espressione che segue:
    Non so se ho letto oppure vissuto per prima, la poesia!!!
    In questo caso è la poesia che vive “il prigioniero nella finta rete”
    E questa poesia molto personale, una volta scritta, diventa parte del mondo, diventa nostra.
    E proprio vero:
    “La poesia si nutre di dolore ma non conosce la disperazione”
    E Poeta è chi scrive per mezzo della poesia(come in questo caso), e non chi scrive per che sa farlo
    …Torno a rileggerla ad alta voce
  • laura cuppone il 11/12/2008 18:51
    che magica la rete
    che estenuante prigionia
    ... parentesi e tonfo...

    nulla é più attraente
    dell'illusione
    o della stessa volontà
    d'illudersi...

    grande Nico

    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0