PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nel nostro attimo

Ti sfioro ancora con un dito
Ascolto un nuovo tuo gemito,
Con l’amore della mia mano
Sento che ti muovi ora piano.
Le labbra fiatano così delicate
Di solitudini ormai dimenticate,
Un bacio con gli occhi chiusi
Ed i nostri corpi adesso fusi.
I brividi, colmi di sensualità,
Si confondono con la felicità
Ed il tuo profumo mi pervade,
Il mio sudore su di te cade.
Brillano le pupille d’ardente
Passione, nessuno ci sente,
Soli in questo unico momento.
Fuori ancora pioggia e vento
E coperti da lenzuoli arruffati
Diciamo i nostri nomi sospirati.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • giuliano paolini il 12/12/2008 13:03
    l'abbandono al corpo dell'altro racchiude in se tutta la forza e la magia di abbandonare il conosciuto per l'ignoto e nell'onorare con la massima delicatezza possibile un territorio che non ci appartiene rendiamo sublime il nostro esistere
  • Free Spirit il 12/12/2008 12:17
    In quell'attimo, momento unico e speciale il sensuale fuoco dell'amore alimenta la passione tra i corpi fusi in un ardente tutt'uno. veramente bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0