PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'uomo dai mille travestimenti

È l’uomo che sceglie la direzione
Ma da sempre è l’animale che cammina
Uniti da miliardi di cromosomi
Scissi da millenni d’educazione
L’Uomo dai Mille Travestimenti
Molto velocemente si avvicina:
-Hai calpestato i miei sentimenti-
Parla con calda voce adirata
Il volto diafano d’innamorato
-Il mondo è solo un’illusione-
Urla poi con voce bene educata
Ha il viso vecchio di Platone.

Si ode la canzone dell’innamorata
Amore amore caro amore
I modi in cui t’amo voglio cantare
I modi in cui t’amo devi contare
I modi in cui t’amo voglio contare
I modi in cui t’amo devi cantare

Tu sei la gioia tu sei la gioia
Del mio cuore del mio cuore

I modi in cui m’ami voglio cantare
I modi in cui m’ami devi contare
I modi in cui m’ami voglio contare
I modi in cui m’ami devi cantare

Tu sei la gioia tu sei la gioia
Del mio cuore del mio cuore

Amore amore caro amore
Fai felice la tua bambina
Cantagli ora la conzoncina
Racconta con quanto ardore
Tu mi ami sera e mattina

Lui risponde dal fondo della cucina
Dove se ne stava quatto e rintanato
Ad ascoltar alla radio il campionato
-Ma lascia stare i canti e i conti
Accontentati per ora che ti monti-.

La Bella e la Bestia da sempre unite
Nell’Uomo dai Mille Travestimenti
Che adesso litiga con se stesso
Sul giusto rapporto tra i sentimenti
E gli istinti erotici del sesso
Sussurrano con voce dolce e flautata
-Nell’Universo non siamo che Monadi-.

123

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0