PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La decima

Fermo, inflessibile, severo,
ecco mi spia inaspettato
il giudizio passato insalutato.
Tutto il trascorso è maculato d’eco;
ormai lontano, vecchio, svalutato,
neppure il ricordo l’avrebbe riesumato.
Mi si esige la decima pagata,
non importa della menta o della ruta
purché comunque lo sia stata.
Non reclama lo spreco, molto strano!
Sordo e vano mi rimbomba in testa:
< Se avessi > e < Se io fossi stato…>,
mi assalgono i “Se”, tantissimi “Però”,
qualche < Si sarebbe prevenuta…
oppure, invece..>.
Posso presentargli un “pagherò”?
Meglio gridare qualche prece
o tacere e bere la cicuta.

 

0
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 28/01/2014 10:55
    Ottima mio caro Ugo. Una solonica in perfetta regola filosofica. Mi ci ritrovo!

9 commenti:

  • Paola Reda il 22/01/2009 00:19
    Il ritratto d'un uomo dal cuore vero che si interroga sul passato. Certo, col senno di poi, ci si pongono domande sul proprio vissuto e non sempre, ahimè, ci sono risposte. Ma grande è la consapevolezza di analizzare ciò che d'istinto si è fatto, aprendo il cuore a mille "SE". Non c'è posto per i pagherò. Il tempo scorre e quando vorremmo firmarli ormai è troppo tardi. Godiamone allora i miseri frutti sapendo che sono stati veri e sinceri.
  • stefano manca il 21/12/2008 13:51
    ci accorgiamo sempre dopo di qualcosa che avremmo dovto sapere prima.
  • Riccardo Brumana il 21/12/2008 02:37
    ogni tanto un esame di coscienza... un bilancio della propria vita è doveroso farlo.
    ma è inutile torturarsi con i "ma" e con i "se"...
    ogni scelta presa con il migliore delle intenzioni è giusta a prescindere dall'esito che ne darà. ciao Ugo.
  • Marcelllo Barbuscio il 15/12/2008 14:52
    Alla fine di un percorso ci sono inevitabilmente i se, i ma, i pero' e tante altre cose come lei ha magistralmente composto nella sua poesia; tutto questo implica il fatto che lei ha vissuto una vita percui, niente rimbianti!! La vita e' fatta per questo, per avere alla fine dei conti un totale e non un foglio bianco ed immacolato. Con vivo apprezzamento, Marcello
  • Vincenzo Capitanucci il 13/12/2008 04:06
    Se... che si trasforma sempre.. nelle tue poesie.. in un... Si.. deciso..

    Bellissima Ugo... fino a bere la cicuta...
  • Kiara Luna il 12/12/2008 16:49
    Caro Ugo come sempre complimenti, ammiro il tuo stile e ti leggo sempre con grande piacere.
  • Ezio Grieco il 12/12/2008 12:32
    ... i se ed i ma, non riportano indietro niente; ci lasciano solo l'Anima amara.
    Quel che è stato è stato, consapevoli che meglio non avremmo potuto fare.
    Bella Ugo, piaciutissima.
    clezio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0