username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Forza e coraggio

Il vero coraggio è anche decidere di percorrere una strada piena di ostacoli.
Solo dopo aver provato la sofferenza si sarà veramente più forti.

Le scorciatoie lasciamole ai deboli.
Che siano loro a scappare di fronte al nemico.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Mirka Naldi il 17/12/2008 14:31
    Grazie a te Vincenzo.. mi scalda il cuore sapere che le mie parole possono essere d'aiuto, in qualche modo, anche solo per far nascere riflessioni...
  • Vincenzo Capitanucci il 16/12/2008 00:59
    La strada piena di ostacoli... è sovente... la scorciatoia.. per giungere all'essere...
    La sofferenza.. vissuta con coscienza.. sicuramente rinforza...
    Forza e coraggio.. fa nascere.. riflessioni... Grazie...
  • Mirka Naldi il 14/12/2008 21:20
    Ciao Donato, non mi devi ringraziare, è bello sapere che le nostre parole possono essere d'aiuto a qualcun altro anche solo per trarne una riflessione..
    Non sono arrabbiata con nessuno, ma certi atteggiamenti proprio non riesco a tollerarli, purtroppo o per fortuna.. Grazie a te per il commento
  • Donato Delfin8 il 14/12/2008 03:28
    Beh sarai incavolata con qualcuno Ma certo che avvolte non e' codardia scegliere la strada più facile e con meno sofferenze. Spero sempre di avere "Paura" difronte almio nemico. Significa che ho misurato entrambi. E quando capisco che sarebbe un suicidio preferisco scappare a passi veloci. Sicuramente anche per cercare di potenziarmi e cercare di combatterlo quando ne saro' capace. Se non ci sono alternative cercherei sempre di affrontare ogni ostacolo ma mai cercando di non essere "Don Chisciotte". Avvolte bisogna perdere qualche battaglia per vincere la guerra. E quella più importante e' combatterla e vincerla contro noi stessi.
    La sofferenza ci nobilita e ci rende forti. Si ma anche l'equilibrio e la serenita' sono necessarie. Grazie della bella riflessione. A presto
  • giuliano paolini il 13/12/2008 15:05
    lo scrivere a volte e' liberatorio a volte e' un po' come inseguire la follia di un attimo oppure il desiderio di partecipare ad un gioco chiaramente come tutte le cose nel tempo diventa sempre più automatico e se vogliamo meno complicato o se preferisci più automatico la cosa importante secondo me e' lasciare che le nostre parole viaggino con il carico buono o meno buono che si trascinano col solo fatto di essere presenti e non identificarsi troppo
    a volte mi capita per esempio di scrivere cose che credevo lontanissime dal mio sentire ma che in effetti in qualche modo vivevano e mi abitavano in attesa di essere ascoltate ed in questi momenti spesso mi ritrovo più maturo
    un bacione
  • Mirka Naldi il 13/12/2008 12:40
    Grazie Tiziano, i tuoi commenti sono molto graditi perchè li trovo costruttivi e non sono solo semplici complimenti.
  • Mirka Naldi il 13/12/2008 12:30
    Grazie, vedo che hai colto il senso di quel che volevo dire.. Sono parole mirate, che ho dedicato a qualcuno e non ero sicura che si riuscisse a cogliere il senso.
    Diciamo che non sono parole buttate lì a caso, anche perchè io non dico mai nulla per caso
  • Adamo Musella il 13/12/2008 12:27
    Scelta difficile, spesso vince la paura di soffrire, di non riuscire a raggiungere la meta... ma nonostante tutto credo che a volte il premio supera di gran lunga il sacrificio... parole pienamente condivise Mirka un bacio
  • Mirka Naldi il 13/12/2008 12:13
    Oddio, che errore osceno. Ovviamente è "se non mi interessasse".
  • Mirka Naldi il 13/12/2008 12:12
    Per me non è affatto un cruccio, però se appunto qualcuno avesse delle critiche da fare, mi piacerebbe confrontarmi, piuttosto che una persona debba dare una stellina, prendersi 2 crediti. Semplicemente questo. Poi sia chiaro, quando scrivo lo faccio per me, per esternare quel che ho dentro e non ho neanche la pretesa di chiamare quel che io scrivo "poesie", perchè per me sono semplicemente emozioni e sentimenti esposti a parole. È anche vero però che se non mi interesserebbe un confronto, le terrei scritte nel mio quaderno, mentre a me piace metterle a disposizione degli altri.
    Non so se sono riuscita a spiegarmi, in ogni caso non voleva essere una polemica inerente al basso voto, ma solo un'esortazione a lasciare anche commenti negativi, qualora esistessero. Comunque grazie Giuliano
  • giuliano paolini il 13/12/2008 12:05
    non ti crucciare mirka magari chi ha votato si e' sbagliato
    non sta a noi entrare nel merito delle altrui critiche quello che possiamo fare e' esprimere quello che muove le nostre emozioni nel modo più onesto
  • Mirka Naldi il 13/12/2008 11:18
    Sarebbe più costruttivo se le persone che lasciano voti così bassi lasciassero anche un commento dove esprimono la loro critica.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0