accedi   |   crea nuovo account

Al giudizio di me stessa

Leggo una storia assurda e al contempo reale.
Nulla può essere dato per scontato,
il vento non sempre girerà nella direzione giusta.
A quel punto cosa accadrà?
Assorbo il meglio e l’utile
Per avere un ricordo,
un modo di vivere diverso,
per dare a tutto un senso.
Metto in parallelo i miei ricordi con i tuoi:
due punte estreme dell’esistenza umana!
Tendo all’infinito e la mia tensione mi porta anche alla tua porta,
dopo tante sfiorate.
Eccomi ora nel tuo limbo,
eccomi di fronte ad uno specchio:
cosa voglio fare?
Cosa dovrei fare?
Chi seguirò?
Il cuore ha sempre ragione anche se sanguina,
il cuore vive delle nostre lacrime,
del nostro dolore.
Un cuore che sprofonda e si dilata,
straziante urlo muto per la mancanza di fiato,
di coscienza!
Questo è quello che ho sempre atteso:
prendermi per le corna e portarmi al giudizio di me stessa.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 14/08/2009 19:09
    un capolavoro nella sua sincerità disarmante... piaciuta!!!
  • Anonimo il 07/07/2009 10:29
    Il cuore non ha affatto ragione sempre, quando obbedisce alle emozioni del sentimento, perché il sentimento è volubile e interessato alla propria, cruda, convenienza. Per non esserlo deve vivere l'amore in modo altruistico, e solo in questo ultimo atto di volontà si sposa all'intelligenza, allontanandosi dall'errore di pensarsi in solitudine. È questo il solo modo che il sentimento ha di congiungersi all'intelletto in piena volontà per divenire, in questa matura unità, una sola e unica realtà che ha il diritto di chiamarsi consapevolezza di sé, e non più semplice coscienza di esserci e di emozionarsi. Se l'emozione costituisse ragione sufficiente d'essere, i campi di sterminio avrebbero avuto la loro ragione di esserci, perché dall'odio sono nati.
  • Adamo Musella il 31/05/2009 12:46
    IL punto di partenza lo conosciamo, il ritorno sempre lo stesso... la soluzione sempre nelle nostre scelte... ancora brava Nadja baci
  • antonio castaldo il 29/03/2009 01:21
    al giudizio di te stessa non c'è niente che tu possa nascondere quindi...
    potrebbe anche essere un po troppo severo... come un cuore quando...
    sanguina ragione... brava.
  • Anonimo il 14/12/2008 16:13
    Sì, è una personalità che si specchia al giudizio che avrà un seguito
  • giuliano paolini il 14/12/2008 11:12
    quel che ci frega sono le domande troppo precise e quel senso di attesa nervosa che ne segue, spesso non sappiamo neppure perche' nascono le domande e le risposte saranno inevitabilmente insufficienti
  • Donato Delfin8 il 14/12/2008 07:27
    Che caratterino E come strapazzi quel povero cuore Prima vorresti strappartelo.. ora lo nutri solo di lacrime e dolore. Non vorrei essere il tuo cardiologo Eppure hai ragione. Come pure e' importante credere in se stessi
    e nutrire il cuore di amore. Bella anche questa. Grazie a presto
  • Mary Ceraulo il 14/12/2008 06:15
    mi ha colpito particolarmente la frase "il cuore ha sempre ragione anche se sanguina".. veramente brava... complimenti... a presto!
  • Paolo Magnoni il 13/12/2008 22:20
    bella.
  • Nadja Letizio il 13/12/2008 20:47
    Grazie! xD!
  • Nicola Saracino il 13/12/2008 20:44
    Asciutta, sincera, piena di personalità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0