username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Angeli

Lui vede dentro il sole
Ha negli occhi la sete che
danza, canta e affoga il mare
in un occhio rosso che…
brucia e frigge dentro me.
Disperato desiderio
affoga lì nel cielo blu
e faville di speranze
si perdono più su

E mi manchi tra lacrime e affanni,
tra bruciori di ricordi...

Uno strano tramonto
ha segnato il suo tempo
Un bicchiere di ricordi
dentro sguardi di dolore,
Una radio palpitante
contro un mondo ignorante
un sorriso ed una sbornia,
Il due Novembre e addio per sempre!

Il mio specchio vede te
I silenzio avvolge me…
Il paradiso poi com’è?

Vedo teschi dappertutto
e cipressi di parole
muoiono nel caldo giorno.
L’indifferenza della gente
profana il tempio della mente
che si sporca lentamente.
Ogni giorno vedo il sole
che però non ce l’ho dentro
Ascolto solo il mio silenzio
e mi svuoto tutto dentro

Nel deserto è sbocciato un fiore
è incolore, è incolore, è incolore…

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • francesca cuccia il 22/10/2009 20:22
    Piaciuta.
  • Michelangelo Cervellera il 14/12/2008 20:51
    ma è sempre un fiore anche nei periodi più dolorosi e prima o poi gli darai colore.
    Michelangelo
  • naida santacruz il 14/12/2008 11:07
    abbiano ancora un motivo per esistere in quei luoghi deserti, che ci conduce in un mondo di luce.
  • nemo numan il 14/12/2008 09:52
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0