PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tetralogia: Liberazione

1)Distruzione

Fantasmi
fluttuanti

Su deserti
di rocce nere
translucide

Lenzuola
bianche
evanescenti

Gementi
in strazianti
ricordi

abbandonati

immobili
nel cristallino
rimpianto

pietrificato

di un essere
perduto

chiamato uomo


2) Agonia

Sprofondando
nel incubo
di non poter uscire più
da queste stanze
Gloriose

imprigionato
in una chiusura
del Se

senza trovare
via d’uscita
alla luce

Atroce
perdente
nei suoi occhi

12345

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • naida santacruz il 14/12/2008 11:00
    la tua è senza alcun dubbio un tentativo d'esprimere al meglio la vita e ci sei riuscito.
  • giuliano paolini il 14/12/2008 10:47
    e' davvero ottimo quando le strade percorse si intrecciano tra di loro o meglio ancora non conducono in alcuna direzione perche' e' proprio per questo che sono state costruite
    e' che la nostra mente e' abituata a quantificare tutto a rendere le cose utili, inutili o necessarie mentre il percorso e' cosi' magnificamente fine a se stesso
    esisto senza un motivo solo per celebrare un istante di gioco che puo' anche esser pura follia
    garbatamente ringrazio i tuoi spunti di riflessione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0