PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

il gregge del pastore

Accartocci la tua vita tra le solite stupidaggini
parole, discorsi, lezioni universitarie
proprio senza pensare all'utilita' che hanno per te
sentenzi dogmi che pensi verita' assolute
quando poi la verita' in fondo chi la conosce...
saltellando, ti vedo correre qua e la
sempre indaffarata
sempre piena di vita e piena di mille cose da fare
io, non so, forse sbaglio
io, sono sempre stanco
stanco della mia stanchezza
stanco della tua caparbieta'
i giovani corrono da tutte le parti
parole, discorsi, lezioni universitarie
credono di avere il mondo in pugno
quando poi è il mondo che ha in pugno tutti noi
i piccioni fanno da cornice a questo quadretto
patetici lottano per una briciola
altro che il mondo
come qualcuno vuole
l'andare avanti e indietro crea scompiglio
anche un po' fame
e si ritorna al punto di partenza
il gregge è radunato dal suo pastore
il recinto è chiuso
nessuno è fuori
nessuno lo puo' essere
se no muori di fame
e tutti preferiscono la pancia piena
e, a volte, la testa vuota...

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 18/12/2008 16:13
    ... quando poi è il mondo che ha in pugno tutti noi... Ma qualcuno so sa?! Penso proprio di no perchè, come giustamente dici tu... tutti preferiscono la pancia piena
    e, a volte, la testa vuota...; <a volte> toglilo... e non dimenticare di togliere anche le virgole. Bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0