accedi   |   crea nuovo account

Natale.

Case illuminate di luci ad intermittenza,
colori brillanti, candele accese, stelle di Natale
che tingono di rosso le stanze come sangue caldo,
vetrine brillanti vestite a festa.

Passo veloce, corse affannate, pacchi ingombranti
trasportati a fatica, auto imbrigliate tra code e
imprecazioni. Dolci e cibo a rimpinzar le pance, vini
e liquori a dissetar le menti.

I miei pensieri che fuggono lontano dal consumistico
giorno, dal flusso interminabile di anime annoiate,
dal tormento della solitudine e del freddo,
dall'ansia dell'avere, dell'inanimato affetto.

E vedo i tuoi occhi brillar più di ogni addobbo,
un vortice di luci e colori avvolgere i tuoi sensi
ancora acerbi di bambino, rapito dalla magia di un giorno
qualunque, in cui la polvere di stelle cancella ogni ombra scura.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • le fabbriche dismesse il 27/01/2009 19:46
    Natale è un giorno qualunque, vero.. ma siamo stati oi a dissolvere questa magia, ci siamo inariditi e intristiti, peccato, a volte vorrei poter rivedere tutto congli occhi di quel bambino.
  • Michele Arcangelo il 23/12/2008 23:39
    il natale è consumismo...
  • Aranel_75 il 19/12/2008 11:24
    Giuseppina hai colto perfettamente il senso della poesia
  • Giuseppina Iannello il 19/12/2008 11:15
    Bella... Trasmette efficacemente la realtà del Natale: un giorno luminoso per i bambini in cui ogni ombra oscura viene cancellata, ma è un illusione perché Natale è solo un giorno qualunque.
  • IGNAZIO AMICO il 16/12/2008 00:45
    Molto bella ed interessante come contenuto
  • Cinzia Gargiulo il 16/12/2008 00:11
    Molto bella!
    Ciao...
  • francesco muscarella il 15/12/2008 19:06
    Rendi molto bene l'armonia natalizia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0