PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non tutte le fiabe hanno un lieto fine.

Come per un incanto
respiri in una bara di cristallo
un sonno che appare vita
ma non è realtà
ne sogno.
Biancaneve fu fortunata
a risvegliarsi dal lungo sonno
e a sposare il bel principe.
Tu stai in un’altra fiaba, invece
le tue certezze non hanno prove
i tuoi pensieri hanno orizzonti brevi
le tue domande sono alla ricerca di senso.
Ti veglio attraverso il tuo guscio di cristallo
sperando che un giorno quella bara si rompa
sperando che un giorno l’incantesimo si spezzi
sperando che un bacio ti riporti alla realtà.
Ciao, mamma.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Cinzia Gargiulo il 16/12/2008 00:06
    Poesia dolce e struggente.
    Coraggio Fabio!
    Un abbraccio.
  • miryam maniero il 15/12/2008 21:48
    la realtà è difficile da vivere nei suoi giorni, soprattutto in quelli duri e tristi, e cercare di dare un senso forse non aiuta nemmeno a volte, però bisogna farlo, e con la nostra sensibilità si può a volte catturare energie che aiutano ad andare oltre.
    Un abbraccio.
  • Anonimo il 15/12/2008 21:42
    che dolcezza infinita...
    e io sono mamma... capisco questo amore...
    bravo dolce Fabio!
  • Marcelllo Barbuscio il 15/12/2008 21:00
    Commovente!!
  • Donato Delfin8 il 15/12/2008 18:40
    Grazie per le lacrime! Va dritta nei preferiti
    A presto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0