PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A Nemo (Storia inventata)

Il tuo animo fanciullo
ha gridato, Nemo;
un diverbio con il “Capo”,
qualche parola in più
e ti sei trovato su di una strada.
Hai girato tutto il giorno,
cercando un lavoro,
ma, hai sessant'anni,
chi ti assumerà?
Nel grande parco, siedi,
della città,
ma su quale panchina?
Non c'è ne nessuna
ci sono solo dei mattoni
di una muro diroccato e misterioso.
Sei stanco: tendi una mano ad una rosa
ma non la prendi
lasci che respiri,
anche se è sera ed è buio.
Nemo, il tuo sguardo sembra perduto.
Ma ecco, all'improvviso,
ti pare di udire una voce:
“Nemo, che fai?
Sono il tuo Angelo custode."
Rispondi: “Un Angelo?
È sicuro?
Anche i vecchi hanno un angelo?
Lo sai che sono triste?
Non ho più il mio lavoro,
né la famiglia.
Sono un'incognita
nessuno si accorge di me,
nessuno conosce il mio volto,
né il mio nome, o meglio
finge che io non esista."
“Ma tu esisti!
E cosa stai guardando?"
Risponde Nemo:
“Non lontano da qui,
di fronte a questo parco,
c'era un'antica dimora:
c'erano un babbo, una mamma
e noi quattro fratelli e c'era una sorellina,
la nostra cara Stellina.
Oh casa...! Oh famiglia
la mamma intenta ai fornelli
cucinava le patate,
sì, le patate, molto spesso,
ma, anche, ceci e fagioli
con la pasta.
Ne sento ancora l'odore...!
Dove sei mamma?
Dove sei Stellina?
Oh piccolina, cosa mi stai offrendo?
È una patatina?
L'hai cotta tu, a vapore?"
Nemo s'addormenta.
L'angelo lo solleva:
lo porta con se, in Paradiso.

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Luca il 28/08/2014 09:06
    Le persone sessantenni, specialmente in questo periodo, si trovano in un bivio, troppo vecchi per lavorare, troppo giovani per andare in pensione, allora rimane il cercare di godersi ciò che li circonda, o ricordare vecchi tempi ormai trascorsi.

3 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 14/11/2010 13:08
    bella... scritta bene...
  • Aranel_75 il 19/12/2008 10:52
    è molto toccante... trasmette molto...
  • Michelangelo Cervellera il 17/12/2008 19:58
    rende bene il concetto di essere buttati via, dell'abbandono, della cecità e menefreghismo della gente, della disperazione che ti attanaglia, sperando che alla fine quell'angelo sia solo un sogno e non il desiderio di morte. Rende più come racconto breve, a mio modesto parere.
    Ciao,
    Michelangelo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0