PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

virtual risiko

hai sapientemente
creato l'avversario
per poterlo vincere
e anche programmato un bel obiettivo
per essere in grado di raggiungerlo
quanto ti serve
per capire
che la sola vittoria
e' nell'assenza di competizione,
perche' ogni ostacolo
non rende migliore o peggiore
il campo di gioco
e non sei altro
che uno spazio
dove accadono le situazioni.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 18/12/2008 03:46
    Bellissima... assenza di competizione... ed utilità dell'Avversario... l'ostacolo... serve a migliorarci... a spingerci... al di là.. di noi stessi... per capire che in fondo il nostro vero Avversario... siamo noi... stessi...
  • Zeta Zeta il 17/12/2008 22:01
    sembra quasi politica
  • Marcelllo Barbuscio il 17/12/2008 21:08
    Il fatto e' che all'uomo... piace stare sempre al centro, anche se soccombe... anche se le situazione sfuggono al suo controllo e, anche nel gioco virtuale si pensa di vincere... ma ci fanno vincere per illuderci e accalappiarci una volta di piu'. Argomento intrigante... ciao, Marcello
  • ivan renella il 17/12/2008 20:59
    Concordo, 100%. Sono per la competizione a scopo benefico!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0