accedi   |   crea nuovo account

Aromi

Forse sol d'essere vivo!

Sconcertato seguo l' silvestre sentiero
fra ombrose fronde e profumate felci,
confuso cerco incerto

non so cosa,

non so dove.

Disperso in fruscianti silenzi
che frustan innocenti il mio corpo
ambisco sol ciò che avverto.

Aromi di mora.

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 22/07/2015 20:00
    Ben descritto in poesia breve tutta una storia di vita. Bravo!

4 commenti:

  • Chirio Giocoliere del Verbo il 19/12/2008 20:01
    in un certo senso hai ragione, il bosco è la metafora del cammino della vita che nel mio caso è privo di certezze.
    AROMI DI MORA è un palindromo e la metafora di un accontentarsi di ciò che è più a portata di mano, goloso ma non essenziale.
    molte grazie, un bellissimo commento!
  • Ugo Mastrogiovanni il 19/12/2008 15:36
    Ben comunicato il vagare nella boscaglia. E ben resa quella strana e piacevole esitazione che si percepisce quando il mistero del bosco ti circonda. Benchè le more non abbiano un intenso profumo, ritengo che ti abbiano ricordato il sole, che tanto preferiscono; quel sole di cui si sente sempre il bisogno quando la densità del verde lo nasconde.
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 18/12/2008 20:29
    la mora stà a significare qualcosa di succulento e invitante, lussurioso direi e di poco impegno, ma anche estremamente poco importante se hai veramente "fame". quasi un sinonimo di superficialità..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0