accedi   |   crea nuovo account

COSA MI RESTERA' DI TE

Il tuo sorriso: ecco cosa mi resterà di te.
La tua allegria contagiosa di giovane ragazza,
con la tua voglia di vivere e strappare i giorni,
con la tua ansia di divorare a morsi
un passato triste ed un futuro incerto.
Vanità: così bisognerebbe chiamarti,
desiderio di sentirsi amata,
smania di corteggiamenti e
frasi d'amanti improvvisati.
Ti ho dato il mio cuore,
ma a te non bastava,
ti ho dato il mio amore,
ma tu volevi ancora altri amori,
ti ho dato le chiavi della mia anima,
ma tu le hai chiuse nel rifugio
sotterraneo della tua immensa vanità.
Ancora una volta l'amore mi sfugge tra le mani,
ancora una volta il mio cuore conosce l'abbandono,
ma non provo rancore, non voglio vendetta,
voglio solo vederti sorridere felice
circondata dai volti anonimi di uno schermo,
dove fantasmi di uomini reclamano parole,
carezze, frasi passionali e orgasmi virtuali.
Quando circondata dagli sguardi
bramosi di uomini eccitati,
quando solleticata dalle frasi dolci e
appassionate di uomini finti e mentitori,
andrai per la tua strada,
portando con te il tuo sorriso
e la tua femminile vanità,
quando capirai l'amore vero che ti ho dato,
ti ricorderai di me e manderai
un bacio al vento, sperando che possa
raggiungere i miei occhi innamorati
e il mio cuore ferito dalla tua speranza
di illusoria realtà di immagini e parole.
Forse quando crescerai ti pentirai,
forse quando ti pentirai crescerai,
forse il mio nome ed il mio viso
saranno compagni fedeli del tuo sorriso,
e sarà allora che la tua smisurata vanità
di giovane donna ancora senza giudizio
cederà il passo all'incedere sicuro e consapevole
di donna forte, matura e responsabile,
nel ricordo di un uomo che voleva insegnarti a vivere
e che tu hai costretto un po' a morire.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • bruna lanza il 03/11/2012 10:06
    tristi i tuoi versi ma giusti, chi ama davvero sa tirarsi indietro e come te ho fatto io, un dolore atroce alberga ora il cuore e non scema mai.
  • Marcello De Tullio il 19/02/2009 07:56
    L'amore come la vita và vissuta per quello che ci da, bisogna assaporare poco a poco le cose belle che danno la felicità, mentre le cose brutte bisogna lasciarle alle nostre spalle come un libro e la pagina precedente resta dietro, bisogna andare sempre avanti senza ripianti così avremo la forza di continuare a vivere ed a amare.
  • loretta margherita citarei il 12/02/2009 17:13
    l'amore vissuto mai va rimpianto, la vita va vissuta ogni attimo. vai avanti, l'amore ha anche altri visi, altre forme. hai avuto un dono, perchè sprecarlo con il rimpianto? abbandona la rabbia velata che hai, e vivi domani sarà un altro giorno
  • Ugo Mastrogiovanni il 26/12/2008 10:28
    L’allegria, ma anche il sorriso, sono entrambi contagiosi, senza dimenticare la vanità, specie quando è di giovane ragazza. Resta per sempre l’intensa fragranza di giovinezza a cui si dà in dono tutto se stesso. Certo, l’illusoria realtà ferisce il cuore, ma quando la giovinezza, sia pur per poco, ti è esplosa in mano, non si può fare a meno di lasciare versi così ben miniati. Rocciolo fa nostra la sua straordinaria esperienza e ce ne lascia un profumo intenso e persistente.
  • Maria Lupo il 23/12/2008 23:50
    È bella, come al solito discorsiva, molto profonda e accattivante
  • Donato Delfin8 il 21/12/2008 20:16
    Molto bella e triste. Concordo con i commenti espessi finora
    e aggiungo che s'impara dai propri errori (insomma) si spera sempre di sbagliare il meno possibile e soffrire poco. Ma sensa la sfontatezza della gioventu' non ci sarebbe "evoluzione" poiche' e' verissimo che la storia si ripete ma un po' dipende anche dalle persone, dal tempo e dalla fortuna
    grazie a presto
  • Maria Gioia Benacquista il 19/12/2008 16:02
    Dare amore in cambio di niente. Continuare ad aspettarla perché la speranza è l'ultima a morire.
    Se l'amore non mette radici profonde nel cuore si spegne. Forse non era amore, solo una illusione sfumata inseguendo altri sogni.
    Molto bella.
  • Mirka Naldi il 19/12/2008 15:07
    Mi unisco a quello che ha scritto Cinzia, anzi aggiungerei che anche quando non si è più proprio giovani giovani si ha spesso la voglia di seguire la propria testa, il proprio cuore o i propri ideali a costo di sbagliare.. Molto sentita anche da parte mia, complimenti Vincenzo
  • Cinzia Gargiulo il 19/12/2008 14:38
    Le persone giovani non vogliono che nessuno gli insegni nulla, vogliono fare le loro esperienze giuste o sbagliate che siano. Solo attraverso di esse si cresce e si impara e attraverso gli errori che si commettono che si matura veramente e nessuno può cambiare questo. In fondo è sempre stato così, i giovani sono sempre stati restii verso i consigli di chi ha più esperienza.
    Ma tu non permettere a nessuno di farti u po' morire, un giorno incontrerai qualcuno capace di apprezzarti veramente per quello che sei.
    Un poesia molto sentita.
    Ti abbraccio...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0