PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

ormai stanco

stringo forte il bicchiere tra le mani
alla ricerca di un paradiso
che non troverò

l'idiozia di sperare
di non riuscire a pregare

la legna arde
e lui sa un sacco di cose

sarò solo io
a pensare che tutto ciò sia complicato
perchè in fondo
è piutosto semplice?

la pioggia
sul muro dell'indiferenza

l'attesa di una scatola
per regalare un silenzio
ad una vita che muore

che muore e ride col cannochiale
osservando una favola

che muore...
... che ride.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 17/02/2010 17:44
    " che muore e ride col cannochiale
    osservando una favola "

    bei versi davvero
  • Ugo Mastrogiovanni il 19/12/2008 16:28
    Un ritmo cadenzato con modulazioni che sanno di trascendente. Molto piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0