PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'antico verso

Nell'ivi dond'opra mia pulsante nacque,
pel canto di dolo d'alma insana,
et silente, et sorda, mai vi tacque
dell'esser vana, nel divenir soprana
s'erge or amplio; velo d'arconte.

Dal ciel celò l'anfratto et ctonia fonte
chetata pel veto d'ala ch'è ita a meta,
et l'Io ch'or suo desio ha perso
perversa, sol in vestigia d'asceta,
nella speme di riesumar l'antico verso.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Chirio Giocoliere del Verbo il 03/08/2009 12:37
    azz, e chi se lo ricordava?
  • Anonimo il 01/08/2009 22:36
    Ma l'hai scritto tu..."un esperimento scritto oggi al bar mentre bevevo il caffè..."

    ...
    Ancora complimenti
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 01/08/2009 20:06
    perchè del caffè? come sai che lo adoro? ero in cerca dell'ispirazione svanita e ho voluto scrivere cos'è per me la Poesia, lo stile riprende il finale che è metafora appunto dell'ispirazione.
  • Anonimo il 01/08/2009 16:02
    nella speme di riesumar l'antico verso...
    Complimenti!! Questo sì che è classicheggiante. Mi piace. I latinismi sono molto efficaci.. se questo è l'effetto del caffè cercherò di farmelo piacere ..
    Ciao ciao
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 19/12/2008 21:30
    un esperimento scritto oggi al bar mentre bevevo il caffè, spesso i versi mi nascono nella mente così dal nulla ma per fortuna ho il mio taccuino!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0