PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La verità (su altra comunity senza fare nomi)

Un giorno in cui tutto andava male
sentii parlar di virtuale
e pensai, son sincero
"Un mondo finto sarà meglio del vero,
un mondo nuovo di libero pensiero
dove la mente è ciò che vale
che sia concorde o rivale!"

Invece sbagliai di grosso
grasso è l'ego ma è nulla tirato all'osso
in segreto si dirige gioco arcano
per cui, col nulla in mano,
buttan fuori chi non confà al lor piano;
non importa cosa tu abbia mosso
dritto ti buttan nell'oscuro fosso.

Ancor meno che nel mondo reale
qui di giustizia ci s'avvale
basta parola di qualche donnetta
che non abbia ragion di parola detta
che dio ti fulmina co la sua saetta.
L'importante è evitar il frontale
su chi ha poter papale.

Diverso il discorso e l'effetto
se un della setta cade in difetto,
per lui garantita è l'immunità
di chi di poter ha grande avidità
sol qui, in virtual città.
Nella vita probabile inetto
or qui la verità v'ho detto!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/04/2013 18:37
    molto molto particolare,
    davvero apprezzata
    complimenti...

14 commenti:

  • Chirio Giocoliere del Verbo il 21/12/2008 17:36
    ahahahahahahahah!
    sei unico! comunque stringendo stringendo direi di si! scappo, prego per i crediti... usali bene!
  • Zeta Zeta il 21/12/2008 17:33
    facciamo così io che sono un semplice dico che non hanno una cippa da fare
    quindi scorrazzano in giro a rompere i maroni... credo che il succo rimane questo alla fine
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 21/12/2008 17:30
    il discorso è più ampio, anche le paranoie e il mal di vivere vengono da quel tempo in eccesso; pensa all'uomo primitivo, di certo non aveva il tempo materiale di deprimersi o cose affini.
    la mente non si ferma mai, e se non ha uno scopo fondamentale se ne crea di effimeri. tutto qui
  • Zeta Zeta il 21/12/2008 17:27
    magari è un'evoluzione della sopravvivenza volersi imporre in ogni modo verso gli altri?
    c'è chi preferisce aver tutto sotto controllo, anche le persone che gli stanno accanto
    spesso non si riesce nella vita reale e quando trovano uno spiraglio nel virtuale ne approfittano quasi vendicandosi degli altri
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 21/12/2008 17:22
    non proprio, è della stessa teoria anche la topina; l'uomo dovrebbe avere il tempo impegnato a darsi da fare per la sua sopravvivenza, il benessere ha agevolato e ridotto il tempo necessario lasciando quindi un vuoto che viene colmato da cose analoghe.
  • Zeta Zeta il 21/12/2008 17:12
    riassunto :
    si vede che c'è gente che non ha una cippa da fare... ?
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 21/12/2008 14:46
    azz! mai avrei pensato di dover dire COMPLIMENTI! sono d'accordissimo! anch'io sono un'essere con troppo tempo per pensare, per fortuna ho una personalità multipla da gestire come riempitivo quindi non ho tempo per le manie di grandezza.
    grazie per il commento, quello che hai appena detto andrebbe stampigliato a fuoco ovunque nel mondo essendo una grande e non banale verità!
  • giuliano paolini il 21/12/2008 10:26
    il benessere ha portato eserciti di persone un tempo dediti alla sopravvivenza ad avere tempo e quando hai molto tempo per pensare la questione si fa seria e la tua condizione ti suona spesso insufficiente quello di cui disponi scarso ed inadeguato ai tuoi sogni di grandezza e mentre un tempo avere tempo era privilegio di pochi che sfogavano i loro esaurimenti trascinando le folle misere alle guerre per magnificare le proprie follie, ora le folle senza guida passano il tempo a sognare
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 20/12/2008 19:53
    pensiero molto bello ma non capisco una cosa, nel reale hai un ritorno delle tue azioni reale, che porta benefici o perdite reali; cosa ci si fa di qualcosa di virtuale? io penso sia proprio il contrario, chi nel reale non combina nulla o è comunque insoddisfatto dai vari fallimenti della vita cerca un regno virtuale dove potersi rivalere del mondo. ho poca esperienza di virtuale, purtroppoper fortuna, e in altra comunity ho visto come persone dessero un'importanza vitale a quel mondo finto, come creassero sotterfugi e macchiavelliche strategie per guerre inesistenti. cose da pazzi!
  • giuliano paolini il 20/12/2008 15:54
    se il virtuale e' fatto dagli stessi che fabbricano il reale e' inevitabile che il gioco non cambi, solo a ciascuno e' dato di creare col sudore ed il sangue della solitudine costruttiva un gioco autentico che magari non sara' patrimonio di molti ma che sapra' raccontare autentiche emozioni.
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 20/12/2008 15:14
    ohi maaaa... che hai?!
  • Zeta Zeta il 20/12/2008 15:12
    messaggio ricevuto
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 20/12/2008 15:10
    pronto?! parla zeta? ma che cavolo stai dicendo? sai quanto me ne frega di quella storia? però lo scritto mi piace e dovevo dargli un perchè, è anche sulla cionfolata!
  • Zeta Zeta il 20/12/2008 15:04
    è anche inutile prendersela ancora
    siamo arrivati a rasentare la pateticità
    da tutte e due le parti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0