PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Crisi

Nessuna porta s’aprirà d’improvviso
Sull’ultimo respiro del sole
Nessuna luce romperà il silenzio
Della prima penombra
Ne un grido oltrepasserà i cristalli

Solo il nulla di sparse molecole
Dilata a dismisura lo spazio
Dove vaganti sillabe gelate
Casualmente s’aggrumano
In brandelli isolati di senso
Come rare carezze svagate

Il desiderio è vivere lontano
Lontano dal vecchio conformismo
E dalle troppe parole inutili
Mentre la mia presunzione si disfa
Come un girasole appeso nella pioggia

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 25/01/2009 12:07
    molecole di tempo che viaggiano.. in brandelli di senso da ricamare
    in un unica carezza per asciugare la pioggia e far ridre il girasole..
    molto bella Ivano
    Aurora
  • Elena Ballarin il 24/01/2009 00:37
    bellissima... non so descrivere bene l'effetto che fa ma m'è piaciuta davvero molto! complimenti.
    grazie per aver lasciato il tuo commento... essere paragonata alla dickinson è troppo ma ti ringrazio tanto!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0