accedi   |   crea nuovo account

A una di passaggio

Dolce e candida pelle di rosa
Carne morbida in cui Amor riposa

Il tuo passo va leggero sul sentiero della notte

Tu grandi orecchini d'argento
La lunga gonna e i sandali in pelle,
Andavi per le vie danzando
E dentro me la primavera rischiarando

Subito sentii l'aria ventilarsi di un sacro profumo
Quando il mio sguardo ti attraversò in quell'ora tarda
E la tua vista allontanò da me l'autunno
Fresca e ancor pura femminilità di donna sarda.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0