PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Estasi sorda

E impazzisce l’anima mia
al pensier della scollata carne
in pasto misero al tempo gettata.

E furibondo è il cuore che in fusione
perfetta il tutto ha plasmato.

Ruotano mondi assenti a sostenere
braccia che lacrime in seno scivolar
non sanno.

Giocare a rompere specchi e affondarne
il suono, rimasugli umani di un’estasi sorda,

mentre l’acqua scorre nel profondo
amore mio che ascolta, parole smorzate
da abbandonare al vento.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • ninetta ciminelli il 05/01/2008 12:46
    sembra triste ma vera
  • sara rota il 19/06/2007 14:59
    Bella, non generica soprattutto le strofe centrali.
  • augusto villa il 13/06/2007 21:58
    Non so come commentarla, mi pare che non serva... Bellissima!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0