PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Speranza

Cupo e grigio
il cielo di Novembre
piange antichi affetti e
umida l'aria s'appiccica
ai nostri cuori.
Terso ed azzurro
il cielo di Dicembre
ravviva le anime e
frizzante l'aria rinnova
i nostri umori.
C'è chi ti ama
oppure chi ti odia
tra mille sfumature del cuore.
Ma sei sempre Natale
difficilmente uguale
e se candidi fiocchi regali
son doni per tutti
ma non per tutti uguali
nel magico fraseggio
di un grande eterno volteggio.
Quel Bimbo che rinnova
ad ogni sua venuta
mille sogni, mille speranze
ci affata e ci cattura
nella profonda speme
che il mondo sia migliore,
nella sottile fede
d'un uomo senza dolore.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 22/01/2009 11:50
    La delicatezza di questi versi, il ritmo pacato e dolcissimo, riesce a dare un senso nuovo alla vita: trasmette quelle note di pace di cui tutti noi abbiamo bisogno e per un momento allontana le fatiche quotidiane.
  • Cinzia Gargiulo il 23/12/2008 09:09
    Bellissima!!... È proprio così, quel Bimbo rinnova la speranza!
    Cosa saremmo noi senza speranza?
    Un bacio e Buon Natale mia cara...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0