accedi   |   crea nuovo account

follia

l'ho vista nell'oscurità della stanza
denti affilati
silenzioso sgocciolare di sangue
immobile
incantatore di serpenti

non seguitemi
non cercatemi
lasciatemi correre da solo
nel mio ansimante viaggio
verso la follia

l'ho vista sotto il sole
sorridente il viso
e una leggera apparenza di felicità
rilassato
bevitore di cicuta

non chiamatemi
non pensatemi
che il mio riccordo fugga via
che non rimanga
neanche la poesia...

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • stefano manca il 24/12/2008 13:48
    comunque grazie lucrezia. ho bisogno di questi commenti e in fin dei conti hai capito me. sei andata in fondo e solo per questo ( sembra strano ) ma ti voglio bene solo per questo.
  • stefano manca il 24/12/2008 12:16
    scusami Lucrezia ma penso che tu non abbia capito forse ciò che leggi lo riferisci a te stessa o... non lo so. non hai capito
  • Vincenzo Capitanucci il 24/12/2008 03:56
    Bellissimo... un non voler lasciar traccia... per vivere splendidamente la propria follia... in un viso sorridente... rilassandomi.. giusto un pò.. in un bicchierino di libera cicuta...
  • le fabbriche dismesse il 23/12/2008 23:46

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0