PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La corrida

In una girandola di lance,
fra pance di cavalli bardati,
profonda è la pena del toro
che rantola e sbuffa,
e alfine si piega a baciare,
mesto, l’arena.
Dalla bocca una striscia
di bava e di sangue
scrive sulla polvere,
…………e langue,
la sua umiliante sconfitta.
Che pena, che dramma!
La gente s’ infiamma,
e plaude ed osanna
il matador, in punta di piedi,
che da il colpo mortale.
Si spegne la fierezza dell’occhio
quando il collo possente si china
sul ginocchio.
Piano ruota lo sguardo
sul delirio che non comprende,
mentre l’ultimo dardo gli fende
il collo sanguinante di spade.
Il toreador di cento contrade
accresce gloria alla gloria
e la bestia fa bella la storia
di chi lo ha battuto in inganno.
Picadores, mantillas,
e la mano assassina che oscilla
al saluto degli spalti esultanti.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Maria Gioia Benacquista il 24/12/2008 15:09
    Festoso massacro, il pubblico esulta e il toro perisce senza dignità...
    È un vero dramma!
    Bel modo di parlare di un dramma che per alcuni è solamente una allegra festa.
    Al suon di musica il toro viene trascinato senza vita fuori dalla arena mentre il torero riceve gli applausi. E la festa continua...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0