username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fiocchi di neve

La crosta di zucchero a velo
leccata dall’ingordo tepor dei camini
sbava dall’orlo dei tetti.
Al freddo le panchine,
su vuoti e candidi guanciali,
congelano sogni.
Nessuno osa varcare il gioco dei bimbi
che in mezzo ai respiri,
sbriciola sui volti
palle di fresco buonumore.
Più discosti si fermano dei passi,
cadono dentro impronte vuote
e anelano nuovo candore,
ma altri, pare vogliano fuggire
sì da smarrire il proprio cammino.
Cala il crepuscolo
che fomenta nuovo stupore.
Occhi di luce, fissi mirano il fuori;
e attendono.
Attendono e,
inaspettatamente,
il silenzio ancora cade.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • ANNA MARIA CONSOLO il 29/12/2008 10:00
    grazie Cinzia... tanti auguri anche a te!
  • Cinzia Gargiulo il 28/12/2008 15:01
    Una dolce descrizione dell'inverno.
    Molto bella!
    Buone feste!!...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0