accedi   |   crea nuovo account

Viaggiatore solitario

Ciao donna meravigliosa,
compagna dei miei pensieri
e dei miei sogni per un
breve istante,
quei pensieri e quei sogni
che tu hai inscatolato in
una scatola di cartone
regalandola ad un viaggiatore
solitario che cercava frasi d'amore.
Quando un giorno il viaggiatore
ti riporterà la scatola,
i pensieri ed i sogni non
ci saranno più, evaporati
in una nuvola in un giorno
d'autunno, e forse non ci sarò
più nemmeno io, in viaggio
per i sentieri della felicità
o per le strade del dolore
o forse ancora nelle azzurre
praterie di un Regno
ancora da venire.
Ripenserai, ricorderai, le parole,
le frasi, le emozioni, il sottile
gioco della seduzione, e allora
capirai che forse sarebbe stato
bello accogliere l'anima triste
di un viaggiatore solitario,
danzare con lui sulla scia del
vento, cantare con lui le canzoni
della malinconia e della gioia,
e addormentarsi con lui sotto
le luci delle stelle tremolanti.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • pauline buono il 08/01/2012 18:32
    molto bella... un po triste ma bella bravo!
  • Anonimo il 11/06/2009 14:09
    È davvero molto bella
    Complimenti sinceri
    Emy
  • loretta margherita citarei il 18/03/2009 21:34
    bellissima
  • Anonimo il 22/01/2009 08:11
    Dopo averla letta sono rimasto alcuni minuti a riflettere. Non sapevo decidermi a commentarla, non trovavo spunti per intervenire. Poi ho capito che non c'è nulla da capire, è tutto così semplice, pulito, ben delineato e costruito da non richiedere giudizio alcuno, si legge e via. Un momento d'amore come tanti un solo breve attimo di intimità in una sosta di un viaggio e poi solo rimpianti e nostalgia.
    È la vita.
  • le fabbriche dismesse il 20/01/2009 19:21
    Il viaggiatore viaggia solo, e non lo fa per tornare contento, lui viaggia perchè di mestiere, ha scelto il mestiere di vento (mercanti di liquore)
  • Dolce Sorriso il 06/01/2009 00:54
    bella bella
    piaciuta molto
  • Aedo il 04/01/2009 00:14
    Quanti viaggi si sono compiuti insieme alla donna amata, per poi concludersi improvvisamente o per intraprendere percorsi diversi. E nei momenti di ripiegamento, la nostalgia incombe e si trasforma in dolce melanconia: "Oh, come vorrei che tu fossi ancora vicino a me" sussurriamo ancora, ma siamo soli con l'eco della nostra voce. E rimane unicamente il sogno...
    Bravo, Vincenzo!!!
    Ignazio
  • Vincenzo Capitanucci il 28/12/2008 00:51
    Stupenda... danza Anima mia... con il viaggiatore solitario... e quando non ci sarà più nessuno... più spazio fra noi due... il vento ci porterà le chiavi del regno...

    Ma forse la porta... non era neanche chiusa... bastava sussurrare.. la parola giusta...
  • nicoletta spina il 27/12/2008 22:41
    Che dolce e malinconico sentire in questi bellissimi versi... dove il rimpianto di lei non avrà più senso per te, viaggiatore solitario.
    Ti auguro tutto il bene e l'amore che la tua anima meravigliosa merita.
    Un grande abbraccio
  • Maria Lupo il 27/12/2008 18:29
    Troppi viaggiatori sul mio cammino, e troppi che non hanno intercettato il mio viaggio... L'importante è fermarsi con qualcuno.
    Grazie, Vincenzo, per questa bellissima riflessione poetica dedicata a noi nostalgici.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0