accedi   |   crea nuovo account

Alba

Sollevo il mio viso dal sonno
alla fioca luce del giorno e,
m’asciuga gli occhi
la lieve brezza del mattino
si, ch’ io possa scorgere
il levarsi del sole:
come fata vestita di rosa,
l’alba,
alza il braccio oltre la montagna
e, sparge nell’aria aurea polvere.
Il cosmo vien sfiorato
dal tocco suo incantato.
Sospira la cima del monte
scuotendo i cirri vicini
e briciole di pane tostato
volano sui tetti rossi delle case
ancora addormentate.
Si svegliano gli alberi e,
frivoli sciolgono le loro chiome al vento.
Nel suo chiarore persino s’ode
il fremito di un fiore che sboccia,
un bisbiglio dell’erba con la rugiada.
Nel suo stesso riverbero
l’alba si rivela e… si perde…
nell’attesa del domani.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Massimo Tusa il 30/12/2008 20:17
    Un fremito che parte dal cuore e bisbiglia alle membra un buon giorno con buon umore. Bella vista anche da quì. Ciao
  • Rik Forsenna il 29/12/2008 20:53
    ... bella mi piace... lascia un buon sapore... brava Anna Maria!
  • Domenico Montaleone il 29/12/2008 17:32
    Una bella alba, piaciuta ciao buon anno
    Domenico

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0