PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Telo

Con mani esitanti ripiegò il telo,
culla accogliente il corpo del soldato;
portato da uomini impauriti
dall’ansa del fiume,
fin sotto il grande olmo.
Lo guardò Lei, con gli occhi di sua madre,
Lei madre di molti altri figli.
Lo guardò, Lei, con gli occhi asciutti dal tempo dei suoi anni,
con il cuore marcio di pianto.
Lo dettero alla terra, assieme alle sue armi,
abbracciato dalle umide zolle di quel campo,
con ad un dito un anello intrecciato, in rame;
povero come la sua morte.
Un solo segno sulla terra fresca, la pietà di Dio.
Ed ancora nulla, se non il vento che correva su quella terra.
Lei prese il telo, lo appoggio al suo ventre,
lo intrise poi, di sapone grasso ed odorante,
bagnandolo lo batté sulla pietra liscia,
lo tese nell’angolo più riparato, sulla siepe;
il sole lo bevve lentamente.
Il suo nuovo profumo di grasso e di cenere.
Ed ancora all’interno del cassetto tra le stoffe pregiate
con fiori di campo.

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 07/06/2016 10:04
    Condivisa ed apprezzata questa tua bellissima!

3 commenti:

  • Rodica Vasiliu il 19/01/2009 15:03
    nella vita tutto si trasforma... anche la morte:un bel ricordo nella panca della memoria..
    CIAO; R
  • Vincenzo Capitanucci il 30/12/2008 01:29
    Stupenda... ed il dolore.. il Sole.. lo bevve.. lentamente... amaramente... profumando... di pregiato... i fiori del campo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0