PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

e

È impertinente il mio gergo
quando ti si avvolge dolcemente
in vita, e cerca il senso di se stesso
mimando il suo dipanarsi
fra pori arsi di respiro

Ma è a terra il mio bandolo
e disegna
repentine figure di danza
alla tua irresistibile
corrente ascendente

Senza salire
le si abbandona

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 03/04/2009 22:02
    Veramente coinvolgente. Ti "scopro" solo ora, ho perso tanta bellezza, vedro' di recuperare.
  • augusto villa il 09/02/2009 00:55
    Cavoli che bella!... Questa me la tengo da parte... Bravissimo!
  • Anonimo il 02/01/2009 00:20
    Bella. Molto bella. Il titolo è un'altra piccola opera.
  • Anonimo il 31/12/2008 11:37
    Parole assenti “e” un verso rovesciato di una poesia che ho scritto tanto tempo fa.
    “…stavo cosi bene in mezzo al male e ora, sto male nel bene”
  • Nicola Saracino il 31/12/2008 11:14
    "e", congiunzione. C'è una matassa: il filo "e" il suo bandolo. Il filo si inerpica, il bandolo resta a terra "ma" da lì può abbandonarsi all'ascesa, senza mimare. "e" è il nodo più semplice, indistruttibile.
    Buon anno amici.
  • Giuseppe ABBAMONTE il 31/12/2008 10:10
    Niicola
    hai voluto terminare l'anno con questo gioiellino di ars poetica.
    Condivido appieno il positivo giudizio estetico e tecnico di Solo Commenti (ed anche un po' la critica al titolo, in effetti decisamente criptico e contratto).
    Credo però che il manufatto vi sia, e si trovi nell'evocazione di questa meravigliosa sensazione di abbandono che richiami in maniera esplicita negli ultimi due versi dopo aver fatto sì che la stessa permeasse tuto il resto del componimento.
    Atmosfera di abbandono, quella che hai creato, che stride con l'atmosfera esplosiva del Veglione di San Silvestro. Ma che proprio per questo spicca ancor di più nel giorno conclusivo del 2008. E ci richiama a rflettere!
    Ancora buon 2009 a tutti.
    Giuseppe
  • Vincenzo Capitanucci il 31/12/2008 03:21
    Un respiro... da tutti i pori... brucianti... in un abbraccio di vita... danzante... ascendente... discendente... in un completo abbandono... è...
  • Solo Commenti il 30/12/2008 23:43
    Una palla tanto chiusa da non accogliere nemmeno il suo striminzito titolo. Ottimi gli attrezzi: le figure di timbro, la tecnica delle immagini. Ma dov'è il manufatto?
  • Rodica Vasiliu il 30/12/2008 19:22
    Si cerca sempre il senso di se stesso tramite gli altri... sempre ascedente!!
    Ciao! R
  • Marcelllo Barbuscio il 30/12/2008 16:29
    Come un'edera silente... la cingi e la prendi, avvolgente!! Ciao Marcello

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0