accedi   |   crea nuovo account

Cena contadina del passato

La campagna si oscura
stanchi contadini rincasano

un povero focolare
attizza la sera

giochi di luce
nella stanza
dal soffitto nero

orgoglioso il coccio
fuma fragranze di
speranza

foulard avvolgono
il capo a riparare
dalla fuliggine

la sedia, un ceppo
di vecchio faggio
per tavolo,
le ginocchia

Pane dorato
Intinge colori
di vita

timidi sorrisi s’alternano
allo scalpitare delle braci

mentre la cena
si consuma

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 21/07/2010 16:15
    La aggiungo ai preferiti. È bellissima
  • Donato Delfin8 il 03/01/2009 20:07
    Tranquilita' .. come al solito : pittore!! grasssie continuo
  • Massimo Tusa il 30/12/2008 19:55
    Quando sono solo, mi siedo accanto al caminetto, spengo le luci ed osservo le ombre danzare al ritmo del focolare.
    Bella
  • Nicola Saracino il 30/12/2008 15:49
    Nitida descrizione, occhio di pittore. Letta e riletta a bassa voce, per non disturbare. Lascia braci ardenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0