PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nassyria 12 Novembre 2003

Dedicato ai carabinieri caduti a Nassyria.

Qualcuno mi ha detto che siamo tutti fratelli
che non siamo uguali
ma siamo tutti diversi
e tutti crediamo in qualcosa
io credo nella spreranza.

Scendono lacrime oggi
per uomini degni di ammirazione
partiti per la pace
vestiti di coraggio e di pietà
verso un viaggio senza ritorno.

Figli dello stesso mondo
con le sue crudeltà e le ingiustizie
qualcuno soffre
ma ad altri come me
il dolore non basta
ho provato rabbia.

Spettatori della crudeltà
abbiamo visto cancellarsi il nostro dono di pace
chi dispezza la vita l ha gettato via.

Qualcuno mi ha detto che siamo tutti fratelli
che non abbiamo lo stesso Dio
ma tutti ne abbiamo uno
e tutti crediamo in qualcosa
io credo nella giustizia.

Rinnego la rabbia ed il disprezzo
e prego ogni volta il mio cuore
di conservare un po di saggezza
ospiti di questo mondo,
abbiamo tutti una missione di pace
rispettare la vita per conquistare l eternità.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0