accedi   |   crea nuovo account

Setole incollate alla matita

Sul foglio v’è un’intensa luce.
Nessuna zona d’ombra,
ma incerti pensieri si fermano
sulla punta del mio pennello,
in cerca di uno sfondo amico.
Senza dubbio non bianco e,
in assoluto, non nero.
D’improvviso, quasi lo scatto d’un volo,
s’alzano liberi nell’aria che respiro.
È il terso cielo d’aprile,
una tela, che dall’alto,
ospitale,
attende ogni colore.
Nella rete del mio attimo,
li catturo!
Ed è con mente serena e
cuore commosso che dipingo
la vita a parole.
Con mano leggera e polso deciso,
istorio i miei versi;
brevi pensieri,
appena accennati,
proprio come fossero,
pennellate.
Idee di passaggio o attimi di estasi,
nuances di malinconie…
semplici pennellate!
Sulla mia tavolozza, s’insinua sempre
un raggio di sole che va a sciogliere
una lacrima di dolore.
È così che comincio a immaginare,
come un pittore e il suo pennello
che segue linee inesistenti
ma, lascia tracce visibili:
scivola dolcemente su una riva
per dare vita al fiume,
si bagna un po’ nell’acqua e poi
si ferma e, lo rimira.
Si tuffa senza senno nel verde
sol per veder nascere un prato.
E, continua quel suo andare,
dall’argine va a scalare i monti
fino a raggiunger la neve.
È così che i miei occhi
ed il mio cuore,
si fan setole incollate alla matita:
il mio pennello a vita.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Daniela Bonifazi il 18/07/2011 14:54
    È splendida! Veramente brava!
  • Gennaro Keller il 07/03/2011 13:20
    Importante è poi trovare l'ispirazione che ci consenta di colorare con penne o pennelli le tele della nostra fantasia.
  • Adriano Trabucchi il 28/12/2010 03:12
    un pennello, e molte tele da impregnare, oppure molti pennelli sull'unica tela?
    bella, mi piace -Cele-
  • Sergio Fravolini il 31/10/2010 09:06
    Bella opera... mi piace.

    Sergio
  • Linda Tonello il 20/08/2010 23:22
    Ecco la miscela tra poesia e pittura... stupendo slancio creativo...
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 16/03/2010 21:38
    e ira velò tese setole varie.
    scriverò che è un palindromo sennò il commento è troppo corto e non lo accetta.
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 16/03/2010 21:37
    e ira velò tese setole varie.
  • Marco Ambrosini il 10/09/2009 11:42
    bella
  • Anonimo il 07/09/2009 18:51
    La tela è la tua anima?
  • Nicola De Dominicis il 16/03/2009 12:38
    Molto bella
  • Anonimo il 09/01/2009 19:34
    bella
  • ANNA MARIA CONSOLO il 05/01/2009 21:49
    Si perchè il colore, soprattutto quello tenue.. l'acquarello.. m'ispira... ma di per sè.. tutti i colori che stanno tra il bianco e il nero li adoro! Grazie Chirio!
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 05/01/2009 20:03
    quindi con la punta del pennello cerchi uno sfondo già colorato?
  • ANNA MARIA CONSOLO il 03/01/2009 17:51
    Io mi riferivo semplicemente a tutti i colori che stanno tra il bianco e il nero... amo ogni sfumatura della vita... e non per esserti contraria e giustificativa Chirio... un abbraccio
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 31/12/2008 16:40
    ti concedo qualsiasi neologismo o fanfolatura, lo faccio anch'io... ma rimane che per il colore niente di meglio che una tela bianca, di certo per vedere l'essenza dei colori bisognerebbe accettare che il loro assoluto è il nero che li racchiude tutti. per poterli vedere pieni c'è bisogno di un'assenza di colore, cioè di bianco.
  • ANNA MARIA CONSOLO il 31/12/2008 16:00
    Il mio pensiero è che sul bianco i miei colori sbiadiscono. Penso di essere una "sfumaturista" Fammi usare questo vocabolo che non esiste perchè più che mai mi sento sognatrice. Se fossi un pittore userei gli acquarelli. Non so se hai capito... parlo di cogliere i colori nella loro purezza assoluta... senza interferenza alcuna... un bacio
  • Chirio Giocoliere del Verbo il 31/12/2008 15:54
    perchè non bianco? non c'è colore più adatto per accogliere ogni umore, amore, sudore o fervore...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0