PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Naufragio

Olas de plata y sal
van envolviendo sueños
que marineros buscan
y sirenas le cantan
perdiendo los sentidos
la ruta del regreso...

Aquì estoy!, ven hacia mì!
la voz de terciopelo
llama lejana otra vez,
y se duerme ligero...
Hamacada en el agua
ya se vence la barca.

A riba, la silueta
busca en el horizonte
una vela tendida...
Inùtil es su llanto
que no devolverà màs
el amor que se perdiò...

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Carina Defilipe il 11/02/2009 12:27
    Ho ben detto che sono un po retro... Grazie
  • Solo Commenti il 10/02/2009 22:19
    Nel testo originale la musicalità sposa bene il contenuto e il tutto si compone in un tenero canto antico.
  • Carina Defilipe il 04/01/2009 16:53
    (traduzione)

    Naufragio:
    Onde d’argento e sale
    avvolgono sogni
    che marinai cercano
    e sirene gli cantano
    perdendo i sensi
    la via del ritorno.

    Sono qui!!!, vieni a me!!!
    la voce di velluto
    chiama lontana, ancora.
    E si addormenta leggero.
    Dondolante nel acqua
    si avvince già la barca.

    A riva una silhouette
    cerca nel orizzonte
    una vela tesa.
    Inutile il suo pianto
    che non riporterà più
    l’amore che si perse.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0