username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A sessant'anne

A sessant’anne,
a vita va accussì,
nun si cchiù tu ca cumanne,
e mo ce piense, ca putisse pure murì.

O’tiempo ta pittato e capille,
cu chill’oro d’argiento,
quanno e rughe da ciento passano a mille,
quanno piense a te solamente.

Comme a l’onda do mare ca sbatte,
e pure e muntagne fa cunsumà,
tale e quale cu tte a vita a fatte,
pecchè o’munno nun conosce a parola eternità.

A sessant’anne,
te siente accussì.
Futtuto da tutte l’inganne,
rassegnato ca tutto adda finì.

Dinto all’uocchie de figlie,
vide a te dinto a giovinezza,
quanno era luntano o’pensiero e na famiglia,
quanno nun tenvie nisciuna certezza.

O’munne o saje, gira accussì,
ma nun è chillo ca te credive,
nun truove pace, nun o’vvuò capì,
nun è chesto ca vulive.

A sessant’anne,
a vita va accussì,
nun si cchiù tu ca cumanne,
e mo ce piense, ca putisse pure murì.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • angela testa il 06/02/2011 17:06
    ...
  • Ivan Bui il 03/01/2009 18:52
    ... letta e riletta, bella e ancora bella. Bravissimo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0