PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frenesia d'amore

Le sue parole strisciano come rasoi...
la mia carne ne è afflitta;
lente le lame scivolano la pelle
dolce dolore
inutile pazzia
frenesia d'amore.
Lenta e sottovoce la sua maledizione,
vedere e non poterla avere
sentirla, sfiorarla, toccarla
senza mai poterla avere.
La maledizione più perversa che gli Dei potessero affliggermi,
perchè ho peccato d'amare,
perchè ho amato con peccato
e per peccato sono stato condannato.
I suoi sguardi mi abbagliano e mi pungono,
la sua anima mi culla e mi pugnala...
un passo ancora, verso la morte.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • sara rota il 08/07/2007 10:39
    Questa sa già più di poesia, fredda e pungente, ma poesia. Stai migliorando...
  • Maty' Sessa il 02/07/2007 04:37
    ora che la rileggo questa poesia mi sembra un eco lontano, la tua e opera e stata come la sibbila, in pratica ti sei predetto il futuro
  • Maty' Sessa il 01/12/2006 21:58
    Beata lei che hai amato tanto a me certe fortune non capitano

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0