accedi   |   crea nuovo account

Terra di sale, cuore di sole

La semplicità, descrive la sua veste.
Il suo nome lo puoi scrivere come vuoi,
ma quando lo pronunci sei sempre sereno.
Ho voglia di lei,
di scoprire ogni suo punto.
La mia terra, i suoi profumi,
monti che scivolano in acqua.
Rapito è il mio sguardo,
rapita è la mia curiosità.
Imbambolato è il mio spirito,
mentre ammiro il cuore di questa gente.
Contadini che ti offrono
i loro frutti migliori
e pescatori che imprecano
contro le aride reti, ma vanno avanti.

Qualcuno disprezza, ma la vita è qui.
Qui l’ho presa io e me ne vanto,
e nei fiori che raccolgo per amore,
accarezzo le sue delicatezze,
poi il mio fiato si spezza
davanti alla rocciosa montagna
rugosa come il vecchio che la abita.
Lo vedi mentre raccoglie
oro di sangue dal suo solco.
Poi sale il ricordo della mia città,
delle sue luci, dei suoi fumi.
E penso che un giorno vi morirò.
Rilasciando alla mia terra
ciò che lei mi ha dato nei miei anni.
E finalmente non la lascerò mai più.

Alla mia amata Puglia

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 02/03/2010 20:47
    Ciao Ferdinando. Hai dimostrato l'amore per la tua terra con una bellissima poesia.
  • Rocco Burtone il 07/07/2009 13:26
    I monti della Puglia?... Bella e hai ragione di amare la tua terra.
  • Anna G. Mormina il 07/01/2009 16:08
    Bellissima questa poesia, ricca di veri valori... non ci si deve mai vergognare delle proprie origini, è bello che tu te ne vanti!
    Sei proprio bravo, complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0