accedi   |   crea nuovo account

L'era delle torri di fuoco

È giunta.
Dopo tanti annunci e lontanissimi boati.
I carri mangiano i nostri terreni,
e le nostre dimore.
La morte.
Totale.
Annunciata.
Spietata.
E ora li puoi vedere i corvi
attendere i nostri rantoli,
volteggiando sui labari gonfi
di venti di guerra.
È inutile salvare le donne e i bambini,
non avrebbero comunque un domani.
Non v’è domani nell’Ade,
dove l’unica speranza
è che la Bestia si dimentichi di te,
lasciandoti vagare sì all’infinito,
ma senza infierire
sui tuoi stracci di corpo.
Inutile pregare per la tua pelle,
di essa nulla resterà,
le scimmie danzeranno
sulle ossa tue e su quelle dei tuoi figli
e le colonne dei templi piegheranno,
d’innanzi all’ingordigia dell’uomo.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Rocco Burtone il 07/07/2009 13:23
    Sono terrorizzato!
  • Anonimo il 29/05/2009 20:35
    Ammirevole. Una tematica complessa tra parole incisive ed immagini forti.
    Complimenti!
    Emy
  • Anna G. Mormina il 07/01/2009 16:18
    ... guerre, generano guerre,.. lutti, dolori... ci sarà mai Pace? ... io lo spero tanto...
    ... bellissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0