accedi   |   crea nuovo account

A Gaza (anno nuovo stessi morti)

Evaporando nel libro del ricordo,
anima come oppio,
fumosa a volte,
evanescente sogno
mutilata al risveglio.
Prossimi all’elisir della pace,
mai domi,
per assaporar solo
del calice l’orlo.
Ebbro dell’alba nascente,
ecatombe di martiri per caso,
annego nelle parole.
Dagli scranni d’onore,
ora come circensi,
l’abbaiar dei coyote in festa
divora carcasse.
Nella terra di Canaan
l’unica promessa
è il sapore del sangue.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • augusto villa il 30/01/2009 23:36
    Bella... cruda... Come il sapore del sangue.
    Complimenti, bravissimo!
  • Anonimo il 22/01/2009 21:14
    Arriva dritta al cuore... e lo fa piangere questa tua poesia Miche... Sei poeta vero... fai riflettere con ogni tuo scritto.
    Un bacio
    Kate
  • Maria Lupo il 22/01/2009 20:35
    Solenne e drammatica, rappresentazione di antica impotenza e barbarie. Bella da... stringere il cuore.
  • Anonimo il 21/01/2009 14:54
    Purtroppo l'uomo, troppo spesso, usa la propria parte migliore per volgerla al peggio e scatenare guerre... Bravo Miche! Molto bella e toccante. Un abbraccio.
  • Marcello De Tullio il 13/01/2009 23:32
    Anche tu come me(scusa il tu) senti di queste stragi inutili e disumane, la nostra generazione uscita dalla guerra del 43 sa cosa vuol dire, ma i capi di stato uccidono per un lembo di terra, e pensare che c'`e posto per tutti e loro non capiscono cosa vuol dire la parola fratello. Sperando che i tuoi versi e i miei servano a far capire alle generazioni future cosa vuol dire pace. Con un mio abbraccio di fraternità ti saluto.
  • Cinzia Gargiulo il 13/01/2009 23:16
    Terra di Canaan, Terra Santa, Terra Promessa... Terra di enormi contraddizioni... ci sono stata nel 2000 e mi è rimasta nel cuore per la sua bellezza e per la sofferenza che mi ha provocato. Si respira ad ogni passo aria di guerra, di assenza di pace e di precarietà.
    La tua poesia è molto profonda e come sempre un invito a riflettere.
    Un bacio...
  • Marcello De Tullio il 08/01/2009 12:49
    Anche tu provi le stesse mie emozioni su questo orrori inutili
  • ESTER zaniboni il 06/01/2009 16:27
    Anno nuovo... stesso tutto?? rattristiamoci per il nostro mondo, ma rimaniamo speranziosi che tutto debba cambiare... bisogna aggrapparsi a piccole speranze, senza le quali vedremmo solo buio... (c'è sempre una luce.. in fondo... non smettiamo di guardarla)
  • Dolce Sorriso il 06/01/2009 00:33
    sei ok dolce Michi
    un abbraccio
  • Anonimo il 05/01/2009 22:28
    molto toccante, vera la tua poesia... Michelangelo è sempre un piacere legger le tue parole e riflettere.
    Marilena
  • bernardo gentile il 05/01/2009 20:36
    "l'unica promessa è il sapore del sangue". È cannibalismo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0