PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io sapevo...

Sapevo per certo
che c’era il mondo
e nel mondo
l’Amore, dicevano quelli
che nominiamo poeti,
muoveva la più
parte dei fili.
Ero assolutamente via
dal capire,
dall’immaginare,
quanto tanto
veramente compiva in me
l’Amore:
la forza, le parole,
la vita che mi soffiava dentro,
ora silenzioso
e tenero di speranza,
ora impetuoso,
accecante, primordiale,
esplosivo, definitivo
come l’ultima parola della vita.
Oggi questo io so
e lo devo a te
e non me ne dimentico
e di questo ti dico grazie
proprio ora che
mi manchi
come niente mi
mancò mai prima:
la luce, l’aria, la pioggia,
il sereno, la gioia,
la tenerezza, la follia,
tutto quello che nasceva
solo nel
vento dei tuoi occhi.
Ed è tutto quello
che anche a te manca
da quando
anteponesti, con ragione,
la ragione
al mio amore.
Spero non lo saprai
mai della stessa certezza
con cui io lo so.
Oggi.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Laura cuoricino il 08/08/2010 22:27
    Bellissima e molto forte!
    Emozionante... l'Amore dà vita che soffia dentro, la ragione lo distrugge...
    Ciao, Cuoricino.
  • gabriella zafferoni sala il 07/01/2009 22:35
    ragione e sentimento, duello di passioni, equilibri precari, nostalgia creativa..
  • Ugo Mastrogiovanni il 06/01/2009 16:05
    Versi di forte rinascita e realizzazione, cantati con passione e forte spontaneità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0