PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

il branco

I lupi conoscono la mia natura
Camminan vicini e non hanno paura
Nel buio dei boschi, tra forre severe
È dalle mie mani che vengono a bere.

Feroci e danzanti nell’ora del sangue
Si fan carezzare nel giorno che langue
Con teneri morsi mi bacian le mani
Capisco che li abbiano amati i pagani

Son lupa nel cuore dell’anima stessa
Son figlia dei laghi e di questa foresta
Perché in altra vita ho danzato nel fuoco
Ei loro ululati potuto hanno poco

Bruciata sul rogo da strega maligna
Rinata ora sono come la gramigna
Per finire il compito che mi è assegnato
Di amare e curare col corpo e col fiato

Le bestie feroci mi girano intorno
Nel mentre io aspetto che arrivi quel giorno
Promesso da tanto e da tanto agoniato
Quel giorno che Era mi ha reso fatato

Cantando ai miei lupi, ululando io stessa
Comprendo che il senso di quella promessa
Sta qui nel mio essere madre di tutti
Donando a chi vuol del mio albero i frutti.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Manolo Di Giorgio il 25/03/2010 21:18
    Brava! mi ha molto entusiasmato!
  • francesca cuccia il 22/10/2009 19:20
    Belle parole, brava Elena.
  • Marcello De Tullio il 27/06/2009 14:18
    Bellissima, se le popolazioni imparassero veramente ad amare la natura, sia minerale, vegetale o animale capirebbero in che immenso tesoro vivono e non deturparlo come fanno.
  • Anonimo il 27/06/2009 13:47
    fantastica!
  • Marcello De Tullio il 20/04/2009 14:31
    Bella poesia che racchiude il desideri della libertà
  • Michelangelo Cervellera il 07/01/2009 14:47
    all'inizio solitudine forse mai appagata completamente per allontanarsi dall'essere umano che non ci riempie il cuore come i lupi, rinasci simile (si può altro?) per poi donarti al prossimo senza voler nulla in cambio.
    Mi piacciono molto i lupi e le aquile, mi danno un senso di libertà infinita forse nel mio io egoista, ma anch'io sono disponibile a dare, poco a ricevere.
    Michelangelo
  • Anonimo il 06/01/2009 12:18
    Brava, più che leggerla l'ho cantata, tanto è melodia e ritmo, la tua poesia.
    Scommetto che sei una musicista.
    Concludo con un ululato amico uuuuuuuuhhh!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0