accedi   |   crea nuovo account

Andai ricordando

Tra le foto sbiadite
spalmate di talco,
condite di tempo
andai ricordando
il palco da cui le scattai.
Entrai in quei volti,
negli occhi di carta,
alcuni contenti,
altri raccolti,
da palcoscenico.
Attori da prato,
scene di strada
senza un sipario
senza copione.
Lo scenario del giorno,
dall’alba alla sera,
così come tutti
così era allora;
ognuno campione
attore di sempre:
nasci e debutti.
Mancava qualcuno:
ci aveva lasciato
per altre scritture,
per scene sicure
dove non avrebbe sbagliato
giammai la battuta.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Riccardo Brumana il 21/03/2009 10:56
    ci vedo un bagliore di memoria, dove la quotidianità era così poetica da sembrare un film d'autore... di quelli che non raccontano grandi storie ma che alla fine ti lasciano qualcosa dentro.
    piaciuta molto, bravo Ugo. complimenti.
  • rainalda torresini il 22/02/2009 20:55
    Esprimi bene la nostalgia per un attore che non c'è più in compagnia.
  • Paola Reda il 25/01/2009 00:42
    Ero molto piccola e mia madre faceva parte di una compagnia teatrale dialettale a Jesi. In questi versi, non so perchè, ho rivisto una vecchia foto di palcoscenico in cui recitava con Valeria Moriconi. Il bianco e nero della foto sono scattate nel mio ricordo. Grazie per l'emozione.
  • Anonimo il 20/01/2009 17:32
    A volte destano nostalgia.. a volte rimpianto.. altra volte la semplice gioia di averli vissuti... i ricordi. Complimenti è bellissima!!
  • Nicola Saracino il 15/01/2009 18:52
    Hai tratteggiato in modo efficace le verità di un uomo sincero, per il quale il ricordo non è solo nostalgia ma anche giudizio di valore, sanguigno e severo quando serve. "Nasci e debutti", "Altre scritture", "Scene sicure"... questo sì che è parlar chiaro. Bravissimo Ugo.
  • Dolce Sorriso il 09/01/2009 23:02
    Caro Ugo dolce e nostalgico,
    mi piace come scrivi
    un abbraccio
  • Giuseppina Iannello il 09/01/2009 11:02
    Poesia bella per la profondità del pensiero espresso in una forma scorrevole e ritmica.
  • Michelangelo Cervellera il 07/01/2009 14:35
    Nessuna staticità in queste fotografie, i colori sono i ricordi, le emozioni, le risa, il calore della vicinanza rimango indelebili e prendo vita in questa bella poesia.
    Ciao Ugo,
    Michelangelo
  • Vincenzo Capitanucci il 07/01/2009 13:30
    Una scrittura di Luce... entra nei ricordi... di copioni... universali...

    Splendida... campioni... attori di sempre...
  • Jack Foglia il 07/01/2009 02:04
    gli istanti immortalati dallo scatto di una fotografia, prendono movimento, colore e calore, quel calore dei ricordi di una vita, quel calore che porta nel suo cuore un poeta.
    La ringrazio per il commento che ha fatto alla mia poesia.
    L'ho inserita fra i miei amici.
    grazie ancora, a presto.
  • Fabio Mancini il 06/01/2009 23:50
    Molto carina. Ciao, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0