username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Libertà

Si staglia nel cielo il pensiero di falce
La morte sopraggiunge alata e beffarda
A noi piace, ne sentiamo il profumo
Muschiato
Ti cerco, da sempre, dove sei?
Perché non vieni a liberare il cuore incatenato
da pensieri, parole, costruzioni fallaci di un
mondo che esplode ancor prima di aver dato alla luce i suoi frutti?
Schiavi, sì, siamo ancora schiavi,
imbalsamati e morti,
dentro le reti arranchiamo, nel tentativo di uscir fuori,
dove lo spazio è infinito, i colori si illuminano,
la vita pulsa.
Chissà se un giorno qualcosa cambierà
le sbarre si piegheranno, lasciando fluire
il sangue
caldo e bruciante.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 10/04/2012 16:44
    splendida poesia complimenti cristiana

3 commenti:

  • Anonimo il 13/10/2010 02:15
    molto gradevole e piena di speranza in un contesto come dire drammatico complimenti
  • Sergio Fravolini il 02/10/2010 11:09
    Un testo denso e gradevole.

    Sergio
  • Rosy Rosalba Piras il 11/04/2010 19:27
    piaciuta, ciao a presto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0