username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La strada mia.

Sò tornato ieri sotto a casa mia,
proprio nella via 'ndo sò nato.
Er tempo s'è portato tutto via,
s'è portato via la trattoria,
quella che quanno cominciava primavera,
metteva li tavoli fora quann'è sera.
Là, la gente bevenno mezzo litro discuteva.
Discuteva della guerra ch'èra finita,
s'inventavano er lavoro, se faceva borsa nera,
e ce stava pure chi pe fame se venneva.
Alla fine quanno se faceva notte, e se spegnevano i lampioni pe la via,
'na pacca sulla spalle e ognuno a casa sua.
Sparito è pure er mercatino, che m'aricordo ce stava 'na donnetta,
che se ce compravi l'insalata e la rughetta,
te regalava 'na cipolla e un po' d'erbetta.
E poi... cormo delli cormi, se pappato pure er marciapiede,
quello 'ndo ce giocavo a palla colli regazzini,
e le bambine ce smorfieggiavano a fa le signorine.
Mo ce giocano..." le macchine " e li pedoni pe passà,
se devono prima d'imparà a sartà.
Strada facenno, dopo d'essemene annato,
me s'ho detto: ma voi vede che tu hai sbajato via!
Là ce stavano i cinesi, li romeni, l'indiani e pure i pechinesi,
a pensacce bene de straniero c'ero solo io,
ma si! forse è stato solo un brutto sogno
quella non poteva esse la via mia.
Però... nun me sò spiegà 'na cosa...
chi era quello là, che m'ha chiamato!
quer vecchietto, con la pancia e un po' pelato.
Quello che m'ha detto: a Bru... che sei tornato?
Aoh! ma voi vedè ch'è stato tutto vero.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 08/02/2010 15:17
    ottimo testo ben scritto e molto delicato, complimenti ^_^
  • Cinzia Gargiulo il 18/01/2009 20:08
    Dolci ricordi di un passato che non hai dimenticato ma che è vivo nel tuo cuore.
    Molto bella anche se ho faticato a leggere il dialetto.
    Un abbraccio...
  • augusto villa il 16/01/2009 22:26
    Bella, veramente bella... Quanta dolcezza in questa poesia... Quanto amore per cio' che ha visto ed accompagnato la nostra vita... Piaciuta, bravo Bruno!
  • Solo Commenti il 14/01/2009 14:49
    Dolcezza e tensione sino alla fine. Apprezzata.
  • gabriella zafferoni sala il 14/01/2009 14:46
    cammin facendo, tra vie e rive, tra mete ed anni : " tut as trasforma.. e guà trasfurmesi anca noi", ed i bei brutti o semplici ricordi dalla tanta armonia alimentano i nostri versi
  • Anonimo il 09/01/2009 19:59
    Bellissima, poesia pieni di ricordi, nostalgia del tempo che se ne andato via. Bravo.
  • ANNA MARIA CONSOLO il 09/01/2009 17:26
    Quel che resta di ieri... ricordi? No?... solo poesia
  • Anonimo il 09/01/2009 17:07
    molta bella complimenti... e il divenire del tempo che muta le cose..
    ma il tuo ricordo e vivido e presente..
    un sorriso Aurora

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0